E a voi piacerà questo nuovo Instagram “pilotato”?

Sta facendo molto discutere l’ultimo post comparso sul blog di Instagram (data 15 marzo), che parla di una rivoluzione sull’ordine in cui compariranno i post all’interno del feed. Le intenzioni sono infatti quelle di modificare l’aggiornamento in base ai criteri di interesse dei singoli account e non più in modo cronologico.

L’influenza da parte del fratello maggiore “Facebook” quindi si farà sentire in modo prepotente. Scendendo nel tecnico, attraverso un algoritmo si analizzeranno e calcoleranno like, commenti, profili e tipologia di foto con cui interagisce ogni account, portandoli in cima all’elenco da consultare. In questo modo si penalizzeranno post più recenti ma che non rientrano negli interessi di ogni singolo individuo

Secondo la proprietà il cambiamento si è reso necessario, visto l’aumento esponenziale dei contenuti postati. Infatti hanno calcolato che circa il 70% di ciò che viene caricato viene disperso a causa dell’enorme mole di materiale caricato ogni ora. In questo modo ogni utente visualizzerà foto meno recenti ma più inerenti ai propri gusti.

instagram pilotato by studio buschi

Nel web si sono scatenate le contrarietà di moltissime persone, semplici fruitori e addetti ai lavori, che non hanno visto di buon occhio questo cambiamento. Si mette in discussione la libertà di fruizione a causa di un condizionamento forzato da parte di un “semplice algoritmo”. La voce unanime che si è diffusa nel web è che si perderà la naturalezza (e forse la bellezza) della visualizzazione dei post nelle varie bacheche. Sicuramente la scelta di introdurre post sponsorizzati avrà influito in questa decisione e forse è proprio questo che non è stato ben accettato.

In fondo a chi non è mai capitato di passare del tempo a “caxxeggiare” su Instagram, anche solo per addormentarsi la sera, e trovare immagini di tutti tipi? Il rischio sarà quindi quello di uniformare troppo quello che visualizzeremo?

Share

Pubblicato il: 18 marzo 2016

Categorie: Comunicazione, Web

Visualizzato: 836

Tags: , , , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>